Primavere

Primavere
Ci sono le ginestre con i loro giavanzali
viole profumate di musica suonata
magnolie che non c’è verso di sfamare
primule che non sopportano d’arrivare seconde
non ti scordardime come monito alla distrazione
giacinti con le loro cinture masse di già
bocche di leone con la loro ferocia gialla
mughertti con quel loro vivere in esilio
e orchidee terribili commistioni di mostri e divinità.
Poi li chiamiamo fiori, che coraggio.

Nadia

60x55 cinque

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>