Complimenti

E quelle ferite, come le hai guarite?
Acqua con sale quattro volte al giorno
e se bruciava (come bruciava)
poi gli soffiavo sopra
con quel fiato che mi riempie tutta.
Poi sono venute delle croste dure
le ho ammorbidite con miele di montagna
quello con il ricordo dentro delle vette
dove non scala mai nessuno.
Ora forse si vede ancora un poco il segno
ma sto aspettando che cada sù un fiore di tiglio
col suo profumo saprà toglier quel segno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>